Il Secondo Piano dei Tarocchi: avere a che fare con le proprie emozioni

by Siri Adi Kaur, 30/01/2015

I primi sette Arcani maggiori ti raccontano le strade da percorrere per costruire la Vita su solide basi.

Ma dopo aver avuto a che fare con la materialità, aprirsi al mondo delle emozioni, liquido e sfuggente come l’acqua, può rivelarsi molto spesso un’esperienza conflittuale.

È facile cadere nel trabocchetto di Giustizia (l’ottavo Arcano maggiore) e irrigidirsi di fronte a qualcosa che emoziona; a volte succede prima ancora di renderti conto che qualcosa ti ha emozionato.

Pensaci.

Pensa a quante volte, ti sei detto: “È troppo bello per essere vero” e poi, sei rimasto fermo a scrutare con occhio indagatore, alla ricerca di difetti e problemi.

In tuo aiuto è arrivato persino l’Eremita con il suo lanternino…

Certo, acquistare la posizione dove sei ora, è stato faticoso: perché lasciare ciò che è certo e sicuro per avere a che fare con qualcosa che di stabile potrebbe avere ben poco?

Dentro di te, il meccanismo della crisi si è già in atto.

Cosa succede a questo punto?

Le tue emozioni si sono inevitabilmente bloccate. Prima ancora di cominciare a girare, la Ruota di Fortuna resta lì, ferma e tu resti bloccato. Dentro di te, la bestia della Forza e dei tuoi istinti (l’undicesimo Arcano) si agita per ruggire, ma le tieni  ben stretta la bocca: tutto deve restare sotto il tuo controllo.

A questo punto, il passo successivo, sacrificare (insieme all’Appeso) i tuoi istinti e le tue emozioni è quasi automatico.

Ma ricordati…

Qualsiasi storia ti racconterai, qualsiasi scusa troverai per mettere da parte le tue emozioni e i tuoi istinti, inevitabilmente proverai tutta la rabbia e il rancore di cui ti parla l’Arcano senza nome.

E la rabbia è un peso troppo pesante per permettere a Temperanza di spiegare le ali e volare verso l’ultimo Piano dei Tarocchi, quello spirituale.

Questa tappa del viaggio del Matto attraverso i ventuno Arcani maggiori ti racconta questa storia e ti parla di tutte le volte che ti senti disequilibrato e vorresti fare qualcosa per te stesso, ma, invece, ti metti da parte e ti dai agli altri, senza lasciare spazio a te, alle tue esigenze, alle tue emozioni.

Ma non tutto è perduto.

Conoscere il Secondo Piano dei Tarocchi ti mostra che ci sono ben altri modi per avere a che fare con le tue emozioni.

 

Iscriviti alla TLetter e sarai sempre informato sulle novità della Terra dei Tarocchi!

Popular Post

Seguici su Facebook

Continuando ad usare questo sito, accetti le condizioni sulla privacy e i cookie. informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi